Dinamo, immeritato KO

18 12 2008

Dinamo Morgana – Longobarda 1-3 (1-2)

Serata di merda, pioggia insistente e a ventate che termina beffardamente alla fine del match. Pubblico delle grandi occasioni. Prima della partita scambio di pandori, streghini e sambuchini per sancire il gemellaggio tra le due compagini. Fuochi pirotecnici al fischio d’inizio. Durante la partita, nella panchina della Longobarda, barbecue permanente con carni miste arrostite e mangiate da chiunque, brocca di vino a spasso tra le panche. A dieci minuti dal termine infortunio al “Pocho” Campanile che si è disintegrato la spalla, subito soccorso dal medico Agricola: si prevede uno stop di almeno un mese, si attendono gli accertamenti che verranno effettuati domani a Villa Stuart.

Risultato bugiardo. Mai come questa volta: risultato bugiardo. Una grande Dinamo Morgana si deve inchinare alla capolista Longobarda ma lo fa dopo aver lottato sotto la pioggia. Meritavano di più i guerrieri scesi in campo all’Olmeri. Buone occasioni non sfruttate più per sfortuna stavolta che per demeriti propri oltre ad un Mignone super tra i pali della Longobarda. La serata di gala si apre sotto i cattivi presagi: a poche ore dal match più atteso la Dinamo perde in un sol colpo Spagnuolo, oltre a Cestrone e Vessichelli bloccati dalla febbre. Le Dinamiti sono scese in campo con Iandolo in porta, Stasi e Totem Intorcia, Capitan Pedicini dal primo minuto, poi Campanile ed Esposito a far da supporto a bomber Gentile. In panca, tra ubriachi e cialtroni in borghese, Scocca, Caraglia, La Monaca e Boscaino oltre ai due Razzano, con Ernesto che esordisce in campionato. Parte con il piede giusto la Dinamo che prende il centrocampo guidati da un Esposito ispiratissimo ma dopo qualche minuto ecco il solito frittatone: Iandolo perde il pallone in uscita, Stasi non intende e si fa anticipare da un avversario che prima si prende un caffè macchiato, poi si scende un ammazzacaffè, poi rutta e porta la Longobarda in vantaggio. La reazione della Dinamo però è veemente e non si fa attendere e così arriva il meritato pareggio con una girata di bomber Gentile che trafigge il portiere. Conseguito il pareggio la Dinamo continua a spingere e va vicina al vantaggio con una punizione di Gentile, deviata, che per poco non si insacca. Poi, come sempre succede, ecco arrivare l’immancabile autogol. Un tiro non irresistibile viene deviato da Boscaino: Iandolo spiazzato e film già visto troppe ma troppe volte. La Longobarda va 2-1 e si chiude il primo tempo. Nella ripresa la pioggia aumenta e la brace lavora mentre le due panchine si disseminano di streghini. La Dinamo è in serata e anche nel secondo tempo riprende ad attaccare: ci prova Gentile due volte ma è superbo Mignone a ribattere, poi è Capitan Pedicini a sfiorare il capolavoro con una conclusione perfetta dal limite dell’area che va a sbattere sul palo interno e carambola sulla gamba del portiere per poi finire incredibilmente al lato. La Dinamo ci crede ed ancora La Monaca a tu per tu con Mignone prova “er cucchiaino” ma l’estremo difensore della Longobarda chiude alla grande. Qualche pallone perso banalmente però creava scompiglio anche nell’area della Dinamo ma Iandolo non corre grossi pericoli: nonostante tutto compie buone parate su tiri insidiosi ma nulla può su una conclusione dal limite che si va ad insaccare sotto l’incrocio dei pali. La Dinamo proprio non ci sta e si rigetta in avanti: in conclusione di gara, dopo l’infortunio a Campanile, arriva un clamoroso palo di Gentile a portiere battuto. Finisce qui la partita e la Dinamo perde con qualche rimpianto anche se i miglioramenti sono stati netti. Si finisce a taralluzzi e vino, con la brace a go-go. Nel 2009 arriveranno i punti.

Da citare le ottime prestazioni di Esposito, Gentile, Intorcia e Scocca. Una nota a parte la merita il Capitano: ha giocato una grande partita!

 

UFFICIO STAMPA DINAMO MORGANA

Annunci

Azioni

Information

7 responses

18 12 2008
dinamorgana

abbiamo incontrato una grande squadra con un grandissimo portiere (in un paio di occasioni solo il miglior pupone avrebbe potuto far gol), abbiamo lottato e ci mancava il nostro Cestrone, oltre al mi-ti-co e tanti altri…abbiamo creato ma siamo stati sfortunati…abbiamo lottato da grande squadra perchè siamo migliorati, ci manca poco ormai…un pensiero particolare va ad Andrea che ha subio un grave infortunio…dai pocho! riposati che ti aspettiamo tutti con ansia…grande Longobarda…
IMMENSA DINAMO!!!
Il Capitano

18 12 2008
Andrea

Grazie a tutti….per la preoccupazione e per il sostegno….in queste ore mi sto accorgendo che siamo davvero una squadra….anche il dolore è più sopportabile insieme a tutta la dinamo….davvero grazie di cuore….spero a presto. Pocho 🙂

18 12 2008
ultras

Volevo fare un pubblico encomio al portiere Iandolo che ha giocato una grande partita sdraiandosi qua e là e salvando palle angolatissime che potevano spaventare. Ottimo gioco di tutti, un’ottima Dinamo che vogliamo vedere sempre con questo umore e con questa grinta. La curva ha temuto la frattura di “Din Don Dan” Campanile, ma come vedi andrea, le ossa sono più dure di quanto tu potessi pensare! Riprenditi! Forza Dinamo e viva gli sdreghini…

PS. Capità se insaccavi quel tiro da fuori ero pronto a portarti personalmente al Vaticano…

18 12 2008
dinamorgana

grazie dei complimenti ma penso che vadano fatti principalmente a Iandolo, come ho appena letto nel commento della tifoseria, ma anche el nostro panzer, il nostro bomber, il nostro panterone, che sta tornando in forma e quando sarà al top nessuna difesa potrà mai fermarlo…
il nostro Zlatan Gentile,
che giocatore!
w scusaci se siamo così pippe
Il Capitano

18 12 2008
lorenzo

Se verranno i punti lo scopriremo solo vivendo. Per adesso, c’è più di un approccio al metodo e soprattutto continue e positive evocazioni romantiche. Come posso altrimenti definire la presenza in campo dei fratelli Razzano? (signori in campo come nella vita) E l’entusiasmo fanciullesco e contagioso del cugggino e Vittorino Scocca? E l’abnegazione di Caraglia? E la continua, incessante, sanguigna partecipazione dei due tecnici, che addirittura nal dopo partita, si sono lasciati andare a passeggiata sul campo, lontano da orecchie indiscrete, che tanto ricordava i passeggi del Paròn Nereo Rocco in piazza Unità d’Italia a Trieste. Il calcio è marchingegno complesso e il risultato prodotto risulta essere valido quando nell’individuo, e conseguentemente fra tutti gli individui della stessa squadra, funzionano i meccanismi di trasmissione (per la verità già discreti in Boschetto, la punta e il cagionevole Cestrone). Testa e piedi, piedi e testa. Se funzionano bene entrambi, c’è espressione massima, se non funziona uno dei due bisogna che l’altro sia eccellente. Mi pare in qualche misura, un po tardi allenare i piedi (lo si fa a casa e da piccoli, tanto per parafrasare), e allora si faccia un lavoro di testa più ricercato, conservando quanto di buono fatto in questi mesi, ma soprattutto, sia ben impresso, lo si faccia senza discostarsi dal vero motivo che vi ha portato fin qua: la resurrezione di una passione.
Lorenzo Catillo capitano della S.S. Longobarda

P.S.
Naturalmente un abbraccio affettuoso anche agli altri componenti non citati. E un particolare augurio di pronta guarigione a Campanile.

18 12 2008
Dr. Morte

Ieri sera doveva essere una grande partita, un grande evento è lo è stato in tutti i sensi!!!! Quando la Longobarda nello scambio dei doni ci ha regalato Sambuca e Strega mignon(e) mi sono commosso!!! Ma ancor di più quando mi sono accertato che i mitici racconti sulle partite accompagnate da brace sono davvero realtà!!! Ebbene ieri tutte le aspettative su questo incontro si sono concretizzate!! E’ valsa la pena aspettare tutti questi mesi. Quando Gentile a telefono mi ha chiesto se doveva andare a fare allenamento o venire a giocare con la dinamo, gli ho detto di venire non per l’incontro di per se, ma per l’ambiente e il clima che avrebbe trovato…e così e andata!!! Grazie Dinamo grazie amici della Longobarda…
Un saluto grandissimo all’amico Andrea spero che oggi il dolore sia diminuito…Ti aspettiamo Andrea!!

18 12 2008
dinamorgana

quant’è bello mio cugino
Il Capitano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: