UNA VERA SERATA SPORTIVA

28 04 2009

i-mastri
LONGOBARDA – DINAMO MORGANA 4-2 (2-1)

Partita bella e divertente quella andata in scena allo Stadio Olmeri, molti gli spettatori nonOstante la pioggia, molti i fotografi, molte le birre e la simpatia.

La Dinamo scende in campo contro la squadra più forte del Campionato, che fortunatamente è composta da amici e parenti, ma le dinamiti sono vogliose di far bene E non hanno alcuna intenzione di sfigurare, anzi creano impostano e fanno addirittura pensare a una rimonta a metà del secondo tempo.
Da sottolineare le prestazioni di Iandolo in porta, del solitO Gentile, come sempre a segno, e di Boscaino che segna un gol spettacolare, quasi quanto il suo avversario Iazzetti, che si inventa una serpentina tra tre giocatori per poi depositare una perla nella rete, per la quale anche Pedicini si complimenta.
Ottima partita anche di Campanile e Cestrone, ma non si può non ricordare le gesta degli altri Achei presenti in Campo, come Razzano, Esposito, Caraglia, e della stella Ocone, che non brilla come tutti si aspettano, ma la classe e l’eleganza sono innegabili. Per non parlare del rientro in campo del nostro Dr. Morte, che atleta!
La partita finisce 4-2, con un grosso spavento per Mignone che subisce un’entrata “a can’ muort'” di Iandolo, nulla di grave.
Meritata la vittoria di chi punta alla vittoria del Campionato, ma veniamo alla cronaca vera della serata.

BRACE – PALLONE 7-0

spiediniLa brace viene apparecchiata in ritardo, causa pioggia battente, sotto la tettoia del presidente Bibbò, ma dal primo minuto Gianluca Francesca e Alfonso Zeoli prendono subito in mano le redini del fuoco. Lo smemorato di Benevento ripara al danno scappando a casa a prendere i 10 litri di vino dimenticati in precedenza e al suo ritorno la pioggia sembra dare tregua e la brace s’infiamma, fischio d’inizio.
Sul tavolino la formazione è composta da salsicce, salsicce piccanti, puntarelle, pancetta, hamburger, bistecche e spuntano sul tavolo anche due vassoi di spiedini precedentemente praparati.
Francesca e Zeoli gestiscono il gioco con un nutrito e affamato pubblico attorno e non mancano i colpi di classe, come quelli del Presidente Nardone che armato di asciugacapelli ravviva la brace a ogni ripartenza. La azioni sono concitate ma tutte vanno a segno, non si spreca una fiamma. Ancora scene di commozione quando il Presidente Bibbò sfoggia un boccalone da 1 litro, il pubblico si infiamma.
Tra il primo e il secondo fuoco un problema sorge, finisce il pane, ecco che Razzano si invola solitario sulla fascia per giungere da Pesce di Zucchero, per poi tornare con circa 5 kg di panini, il gioco può riprendere. Ancora Francesca a gestire il fuoco e a dispensare ogni tipo di carne possibile con scherzi e sfottò di ogni genere. Il tasso alcolico sembra giungere oltre i limiti consentiti dalla legge, ed è li che ci si appassiona seriamente, tutti cominciano a creare azioni fino all’arrivo della bisteccona e dello scolo della damigiana che segnano la fine del match, risultato, BRACE – PALLONE 7-0.
A conclusione dei giochi il tocco di classe fornito dalla splendida Presidentessa Razzano corona la serata, IL CAMPARINO! che classe signori, che partita!!!

UFFICIO STAMPA DINAMO MORGANA

A seguire una breve fotosequenza delle fasi salienti del Match.

immagine-426

Achei in azione

due uomini simbolo

MIster e Capitano

immagine-431

Annunci




Dinamo Morgana – Longobarda, Lunedi 27 Aprile- h.20:30

26 04 2009

Compagni, il derby contro gli amici della Longobarda si terrà domani in diretta SKY alle 20 e 30 allo stadio Olmeri.
Vi esorto e versare una quota di Euro 5 stasera o alla sede sociale o direttamente da Peppe Mignone al locale, per contribuire all’acquisto di carni e vino rosso per il banchetto a bordo campo che accompagnerà il match per tutta la partita.
TUTTI I GIOCATORI SONO CONVOCATI PER IL BIG MATCH!





Scende la pioggia e sai che fa…

24 04 2009

Dinamo Morgana – Bar Marcello 5-4
Nessun commento, nessuna cronaca…abbiamo vinto, tre punti e a casa. Dove le qualità tecniche non fanno la differenza, ecco che gli agenti atmosferici, la caparbietà e la democrazia vengono in nostro aiuto.
Lascio il racconto di questa vittoria alle immagini, perchè è andata più o meno cosi:





Convocazioni

23 04 2009

In ordine sparso che vado di fretta:
Iandolo
Caraglia
Prisco
Cestrone
Boscaino
Campanile
Razzano
Fragnito
Spagnuolo
Bruno

se ho ho dimenticato qualcuno o qualcosa chiamatemi, Giasone 349-2677280
p.s che casino organizzare le partite, lunga vita all’ultimo degli Achei, la democrazia fatta uomo: Cadmo





Disponibilità – DINAMO MORGANA-BAR MARCELLO P.PIO 23/04/2009 ore 20:00

21 04 2009

Cari compagni,
lasciate qui le vostre disponibilità per poter, come al solito, effettuare le solite e democratiche convocazioni:
DINAMO MORGANA-BAR MARCELLO
P.PIO 23/04/2009 ore 20:00





PARTITELLA

18 04 2009

lavoriincorso

Cari Compagni
dopo la sconfitta subita si torna ad allenarsi, e questa volta non voglio più sentire ragioni varie o scuse, siamo alla fine del Campionato e non giochiamo mai tutti quindi, facciamoci qualche partitella per migliorare e per fare qualche altro punticino.
Dato che la temperatura è salita notevolmente abbiamo pensato democraticamente io e me stesso di riprendere a giocare alle 22 del lunedi, e non mi venite a dire che è tardi perchè quando in campionato giochiamo alle 21 si ritarda sempre per vari motivi e si comincia sempre alle 22, quindi siamo più che vaccinati.
L’appuntamento è lunedi allo Stadio Olmeri alle 21 e 45 per una sana partita tra amici, commentate per dare la vostra disponibilità e ci vediamo in queste sere.
Buon fine settimana dmocratico e se incontrate Berlusconi per strada
chiavategli un’accetta in fronte, il mondo vi sarà riconoscente
Cadmo, l’ultimo degli Achei





CI HANNO DEMOLITO!!!

17 04 2009

iannasso

DINAMO MORGANA – IANNASSO COSTRUZIONI 2-5 (0-2)

Cade la Dinamo si impatta contro un avversario ordinato e contro il miglior portiere del torneo, risultato scontato. Serata calda finalmente allo Stadio Olmeri, con zero spettatori, un pallone buono e uno a patata

Le Dinamiti ritornano con i piedi per terra dopo la sofferta vittoria contro la squadra di Gran Benito che aveva non poco motivato i ragazzi. Nota positiva è il rientro del Mister che si fa rivedere in panchina dopo un mese da “assenteista” che aveva costretto Gentile e Compagni ad un autogestione non proprio facile.
La Dinamo scende in campo molto rimaneggiata, data le assenze per squalifiche, infortuni, influenze e cazzi vari, con Razzano tra i pali, Campanile nell’inedito ruolo di centrale, Intorcia a destra e Caraglia a sinistra. A centrocampo Spagnuolo, ovvero la mattanza fatta uomo, con Capitan Pedicini, che per la prima e si spera ultima volta indossa la maglia n°10, a supporto di Boscaino in attacco. In panchina il solo Mister in attesa di Zlatan Gentile, bloccato dai Carabinieri all’altezza di Candela.
Gli Achei mostrano di non aver paura di un avversario che all’andata li aveva già demoliti, e mostrano muscoli e scampoli di buon gioco, ma già nei primi minuti il portiere avversario mostra le sue doti e la sua sicurezza, non ha caso è la difesa meno battua del torneo contro il peggior attacco.
Iannasso spinge ma è la Dinamo che si fa più pericolosa grazie a un calcio di punizione che il portiere aancione respinge male e a circa 40 cm dalla linea di porta Pedicini si mangia un gol già fatto, mani nei capelli e si ricomincia. Arriva Gentile ma quando sta per entrare in campo si va sotto di un gol.
Il nostro Zlatanone, entra subito in partita e mostra subito di che pasta e fatto imepgnando il gattone arancio in un paio di occasioni ma su uno svarione difensivo è Iannasso che va in gol. Finisce il primo tempo, 2-0.
Nell’intervallo Capitan Pedicini cerca di spronare i suoi dicendo che due gol di recuperano in un minuto, ma aggiungendo di stare attenti perchè si possono anche prendere nello stesso tempo, e così avviene.
Alla ripresa Iannasso quasi subito fa 4-0, ed è li che si riaccende lo spirito Acheo. I Carpentieri mollano e la DInamo ne approfitta sempre con Gentile che in pochi minuti segna due gol e riapre i giochi. Iannasso mostra una certa paura e qualche muscolo, che fa gridare al rigore su Pedicini ma l’arbitro è impassibile. Le Dinamiti recuperano palla su palla, Campanile nel ruolo da centrale non fa rimpiangre nessuno e già per lui si parla di maglia da titolare, Caraglia un pò lento nel primo tempo comincia a recuperare palloni e a menar calcetti come solo lui sa fare mentre Intorcia con le sue discese diventa sempe più pericolo, ma è sempre il terminale offensivo Foggiano che mostra le sue doti e per poco non realizza il terzo gol.
Purtroppo nel momento migliore arriva la beffa e Razzano fa la sua prima cazzata del Campionato in porta regalando il quinto gol agli avversari, partitra chiusa 5-2.
I nostri eroi pagano qualche occasione di troppo sbagliata e qualche egoismo, e soprattutto il fatto di essersi svegliati tardi, anche perchè Boscaino e Spagnuolo apparivano particolarmente ispirati, uno a creare gioco e l’altro e non farlo creare agli avversari, ma purtroppo i numeri parlavano chiaro a inizio partita, Iannasso ha il doppio dei punti nostri e un motivo c’era.
La prossima settimana il campionato ci vede contro il Bar Marcello, squadra che lo scorso anno arrivò seconda, e saremo privi non solo di Esposito e De Martino, ma ci sarà la pesantissima assenza per squalifica di Zlatan Gentile.
Si spera che Ocone “Il Messia” rientri, altrimenti buttarla dentro sarà molto difficile.

UFFICIO STAMPA DINAMO MORGANA