PER UN PELO

11 11 2009

pelo-di-figa-540x359

DINAMO MORGANA – VIVAI LE GROTTE CATALANE 5-5 (2-1)

Non sarà facile riassumere quello che è successo ieri sera al campo Olmeri, non siamo ancora riusciti a capire se abbiamo conquistato un punto d’oro, o abbiamo buttato al vento tre punti facili da conquistare, certo è che ci siamo divertiti tanto e le emozioni non sono mancate. Temperatura ottima per la birra, spettatori zero, arbitro serio.

La premessa non è la migliore, Mignone rinuncia a giocare all’ultimo minuto per una serie di calci ricevuti da Roberto Attila Pedicini, fratello di Spartaco, la sera prima, ma la sua prestazione dalla panchina sarà superba, un vero incubo per tutti, con offese e incitamenti che si alternavano e non davano tregua a nessuno in campo. La squadra alla fine c’è, ma non brillerà certo in qualità di gioco o in tecnica, ma in grinta e caparbietà si, e queste doti hanno contraddistinto la Dinamo di ieri sera.
Esordio a porta di Arcobelli con Esposito centrale, Celentano al galoppo per la fascia sinistra e Tinessa sulla destra. A centrocampo un’inedita coppia Prisco-Cestrone, qust’ultimo in veste di Capitano, e Ceravolo terminale offensivo. In Panchina, il Sen. Caraglia con Bianchini e Razzano in veste di giocatore, a fargli compagnia sempre il monco Pedicini e il Mister Mignone.
Si parte contratti, le squadre si studiano, e siccome non c’è un cazzo da capire sia da una parte che dall’altra, continuano a studiarsi per buoni dieci minuti, increduli della pochezza di gioco da ambo le parti. I Vivaisti sono un pò più determinati, oltre al fatto che sono un pò più grossi, ma appena provano qualche giocata tecnica vanno subito in difficoltà. L’equilibrio si rompe al 15′ quando il solito tiro deviato finisce sulle palle di Arcobelli, che con un occhio aperto e l’altro chiuso dal dolore cerca di impossessarsi del pallone che passeggiava indisturbato a pochi centimetri dalla linea, ma l’avversario è più lesto di lui e insacca, si va sotto di un gol, come se fosse una novità.
Le Dinamiti allora cominciano a giocare con un pò più di cazzimma e una punizione guadagnata dal preziosissimo Prisco mette in mostra le doti balistiche di un Tinessa ispirato, tiro preciso, portiere battuto, 1-1.
La squadra comincia a crederci, allora entra Razzano che mostra subito di essere in partita, e verso la fine del tempo è proprio il fratello della nostra Presidentissima che si invola sulla fascia, scarica su Prisco che gli serve nuovamente il pallone in area, lui se lo aggiusta e lo piazza a fil di palo, la più bella azione della partita a una velocità di circa 1,5 km/h, 2-1e per la prima volta finisce il primo tempo e siamo in vantaggio.
Purtroppo però l’intervallo fa rilassare troppo i nostri, e appena si comincia, tempo due minuti, gli avversari pareggiano, non mi ricordo come, ma mi ricordo che è stato un gol del cazzo. E sempre con un gol del cazzo trovano il nuovo vantaggio, 3-2. La situazione sembra quella classica della partita che ci sfugge via in un niente, ma è bravo Tinessa che sempre di punizione, questa da posizione angolata, trafigge lo stagionato portiere avversario ed è di nuovo parità.
Purtroppo il gioco singhiozza ancora e si regalano calci d’angolo che risulteranno fatali, è infatti con la palla da fermo che si subisce il 4-3, la Dinamo di nuovo a rincorrere e Mignone si incazza come una iena dalla panchina. La situazione sembra ingestibile, i nostri allo sbando e Mignone che insulta tutti con Pedicini che lo trattiene dal non abbandonare il rettangolo di gioco, è provvidenziale a questo punto un time-out, a quattro minuti dal termine. Si rimischiano le carte, gli avversari si rilassano quel tanto che basta e si rientra, subito Prisco recupera una palla che sembrava persa, e dal fallo laterale serve un Cestrone liberissimo che sale in cattedra e piazza la palla in rete, 4-4. Le emozioni non finiscono qui, sia perchè Razzano si infortunia da solo, distorsione alla caviglia si aspettano i primi rilievi da villa Stuart, e sia perchè c’è ancora il tempo di un’altra stronzata difensiva, altro calcio d’angolo e di nuovo siamo costretti a rincorrere, 5-4. Manca oramai pochissimo, non si vede una via d’uscita finchè Prisco non si fa atterrare a pochi metri dall’area di rigore, e si incarica Cestrone di batterla.
Il nostro Capitano, con una trmenda indecisione che dura qualche secondo non sa che fare, comincia a scendere la gocciolina dalla tempia e non sa se servire Fabrizio, tirare, farsela passare o rinunciare. Larbitro fischia, Cestrone pensa, “ma che me ne fott’ io tiro” e insacca, alza il dito al cielo e tutti corrono ad abbracciarlo, nessuno ci credeva più, 5-5, fine del match.
Resta l’amarezza delle troppe occasioni regalate, del palo preso dal Sen.Caraglia nel primo tempo, e la consapevolezza che Arcobelli ha tolto letteralmente dalla rete almeno tre palloni, quindi nell’indecisione se sta partita la potevamo vincere o perdere miseramente, ci prendiamo questo punto e ce lo portiamo a casa con tanti saluti e ringraziamenti.
Appuntamento a martedì prossimo quando incontreremo il Bar Marcello, compagine attualmente in crisi, ma che rimane pur sempre pericolosissima, e speriamo di non interrompere la serie positiva.

UFFICIO STAMPA DINAMO MORGANA

Annunci

Azioni

Information

4 responses

11 11 2009
Giulio

12 11 2009
Ciro

me batte il corazon….

12 11 2009
giuseppe aristoteles

ebbene si , la partita è stata buttata al vento…..e pensare che più di una volta volevo entrare in campo eprendere a calci tutto e tutti….Erano troppo scarsiiiiiiiiiiiiiii…ma alla fine abbiamo avutouna grande provola di orgoglio……..Su tutti una mensione speciale al sig.Prisco che con la sua caparbietà e tenacia è riuscito eportarelaDinamo ad un risultato positivo……..alla prossima amicicompagni

16 11 2009
nico

cadmo sei un signore…la verità è che il quinto goal lo abbiamo preso perchè sono un coglione..gli ho regalato l’angolo e per di più dopo mentre lo battevano e facevano goal..io tranquillo che discutevo con Priscone…vabbè è andata così..chiedo umilmente scusa…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: